Caldo e inappetenza

IMG_0454 (1)

L’agosto 2017 non si smentisce e, anche nella sua ultima settimana, prevede caldo torrido e alta pressione, come segnala Meteo areonautica “un trend delle temperature di nuovo in rialzo rispetto alla norma, anche con valori localmente molto alti”. E con il caldo, soprattutto bambini e anziani soffrono di inappetenza. A tavola si è svogliati, stanchi e manca lo stimolo della fame. Eppure, d’estate è ancora più importante che si idratino a sufficienza, con acqua e alimenti ad hoc. Il trucco è contrastare lo scarso appetito con cibi freschi.
In particolare, si tende a saltare la quota giornaliera di cereali integrali, che tendono a riempire. Per questo motivo, al mattino è meglio sostituire il latte d’avena con le altre bevande vegetali in commercio non zuccherate. Per i primi piatti, è dura, per esempio, servire in tavola il riso integrale che, richiede almeno 40 minuti di cottura e, di conseguenza, una cucina bollente. Ma ci sono quelli precotti, che riducono i tempi e si possono condire con verdure fresche, importantissime d’estate. Consumare freddo. Lo stesso vale per orzo e farro. È preferibile mangiare la pasta integrale e, per evitare che si proponga a effetto mattone sulla pancia, condirla con ingredienti che danno un senso di freschezza, e – meglio ancora – alta digeribilità.
In tal senso, domani vi proporremo la ricetta di fusilli integrali con zucchine con mandorle schiacciate e finocchietto selvatico.
Per i secondi piatti l’avvertenza è non aggiungere troppi grassi (per esempio, salumi e formaggi insieme, che noi bandiamo in ogni caso), mentre è meglio scegliere piatti leggeri, sani e freschi, come le alici marinate.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 29 agosto 2017

    […] Noi lo scegliamo per la particolare freschezza che conferisce al piatto rendendolo maggiormente appetibile quando il caldo torrido ci allontana dalla tavola. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *