Perché alimentarmente?

Perche alimentarmente

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi trovarono una macchia scura

Non è la Commedia, ma una tragedia. È successo a fine novembre 2013, quando sono stata ricoverata all’Istituto San Raffaele di Milano a seguito di uno svenimento. E se il lungo viaggio di Dante lo porta alla fine a riveder le stelle, il mio attraverso i labirintici corridoi di via Olgettina mi conduce a scoprire che quella macchia scura è un astrocitoma gemistocitico. Niente a che vedere con gli astri, ma uno di quei termini assolutamente incomprensibili di cui la Medicina si serve per definire quello a cui il volgo nemmeno dà il nome, terrorizzante com’è. L’Innominato della Medicina è il tumore, che a me hanno diagnosticato al cervello, all’età di 33 anni. L’età in cui si suole avere il primo figlio, se non il secondo, una bella casa, si gode di buona salute e di un lavoro appagante e soprattutto ben pagato. Niente di tutto questo: con un lavoro precario sottopagato o, peggio ancora, non pagato, tutto il resto te lo puoi dimenticare. Anche l’astrocitoma gemistocitico ha i suoi anni o non avrebbe già sviluppato i primi focolai di trasformazione anaplastica… Altro termine oscuro della scienza dei lumi, che significa che, nonostante chirurgicamente la massa sia stata asportata radicalmente, il tumore può tornare. Che fare? La radioterapia al cervello può essere eseguita nella stessa area soltanto una volta e gli effetti collaterali non sono certo mal di stomaco, dissenteria, o  irritazione dell’intestino. Che fare, dunque? Prevenzione e dieta.

La mia professione mi ha insegnato a informarmi e informare, scegliere e citare le fonti, dividere i siti online in categorie che favoriscano la ricerca e l’indicizzazione. Se mi atterrò ai primi due insegnamenti, il terzo salta. Ogni categoria vuole canzonare le classiche, giocando sull’ambiguità delle parole e sdoppiando ognuna in una parte che alimenta la pancia e l’altra che alimenta la mente.

Potrebbero interessarti anche...

13 Risposte

  1. alexandra scrive:

    Tra miti e inganni, alla ricerca della verità nel piatto…
    Sei determinata in tutto… sono certa che te la caverai benissimo.

  2. Carmen scrive:

    Sei fantastica……

  1. 28 marzo 2014

    […] critico e degli stili di vita – 72mila visitatori, quest’anno ci saremo anche noi di Alimentarmente a curiosare non soltanto tra gli eventi di cucina, ma anche di Fai da te, per imparare a fare a mano […]

  2. 16 maggio 2014

    […] originale modulare controllata dalle onde cerebrali del pubblico. Chissà come suona quelle di Lei… Che per affezione al suo quartiere non può non segnalare l’iniziativa per il fine […]

  3. 18 maggio 2014

    […] Dopo un improvvisato menù di Pasqua, inaspettatamente piaciuto anche ai più golosi, proponiamo un’altra ricetta di semplice realizzazione che prevede la preparazione di un dolce totalmente privo di zuccheri aggiunti ed edulcoranti, perfetto per Lei. […]

  4. 26 maggio 2014

    […] la vorrei dedicare integralmente al riso, visto che la scorsa è stata piuttosto amara perché Lei è in fase di secondo follow-up. Credo ormai sia chiaro che, quando AlimentarMente cita un […]

  5. 26 maggio 2014

    […] la vorrei dedicare integralmente al riso, visto che la scorsa è stata piuttosto amara perché Lei è in fase di secondo follow-up. Credo ormai sia chiaro che, quando AlimentarMente cita un […]

  6. 7 giugno 2014

    […] una categoria al pezzo sarà dura impresa, ancora più ardua se pensate alle categorie su cui gioca AlimentarMente. Chiuse parentesi [(meno ne apriamo in un pezzo giornalistico, meglio è), ma questo è un blog che […]

  7. 18 luglio 2014

    […] devi svelare cos’è “qualcosa”????? E va bene, ce l’ho anch’io, ma non lo sbandiero ai quattro venti, nooooooooooooooooooooooooo! Ha riacquistato la mia stima, quando, nello stesso concerto, ha chiesto ai presenti di non cantare […]

  8. 28 ottobre 2014

    […] – che io proprio non riesco a mangiare… non centra niente, lo so, ma ad AlimentarMente piacciono i giochi di parole) fregandolo nella notte di Ognissanti. Alla morte, Jack rifiutò il paradiso e fu rifiutato […]

  9. 6 novembre 2014

    […] sito del ministero della Salute… Vuoi mettere? Non c’è concorrenza! Chi si affiderebbe a un blog che si chiama pure con un avverbio che nella lingua italiana nemmeno esiste? Io stessa non avrei […]

  10. 10 novembre 2014

    […] pagato in quanto inconsapevole del suo ruolo. Avere il ballo di Čajkovskij che non passa. Poi ammalarsi. Fino al calar della sera… Forse perché della fatal quïete è l’immago sì cara, […]

  11. 20 novembre 2014

    […] dal diabete o dal cancro sì. E io sono dell’opinione che la carretta che ospita il mio cervello malato è meglio tenerla in buono stato il più a lungo possibile, magari evitando di riempirla di cose […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *