Ascesa e caduta delle arti

paolo-conte-snob-recensione-testi-album

Ieri sera, mentre ascoltavo con mio nipote Paolo Conte, mi arriva un messaggio di Lui che mi chiede se conosco Brunori sas con tanto di link per audirlo. Questo siparietto non è nuovo: io spesso vengo distratta dal mio piccolo mondo antico per venire a conoscenza di cosa sta accadendo nel mondo attuale. In genere poco mi importa e lo scanso, ma ieri sera ci ho ragionato e mi è venuto in mente che Conte ha appena compiuto 80 anni, lui stesso non ce la fa più a scrivere depresso dal mondo contemporaneo e allora mi chiedo, pur augurandogli di vivere il più a lungo possibile, prima o poi anche lui ci lascerà e io che faccio? Continuo a sentire Con quella faccia un po’ così. Lo faccio rientrare nei miei idoli quasi tutti morti, tra i conterranei Tenco, De Andrè e Gino Paoli? Su quest’ultimo sono stata sgridata un’estate perché ascoltavo questa mummia nella versione di Milestone. Premesso che tu non sarai mai in grado di comporre anche soltanto un testo come uno dei suoi, o di suonare con Enrico Rava, io i tuoi concerti non li ascolto perché piuttosto preferisco stare a casa ad ascoltarmi I puffi cantati da Cristina d’Avena. Sì, ci sono ancora Stefano Vergani ed Edda, ma sono di nicchia. Lo stesso vale per la letteratura e il cinema. Prendiamo il film del momento La la land, un orrore. A pranzo avevo visto in tv Pulp fiction, dopo cena mi è toccato questo strazio. È che c’è proprio poco e niente di interessante. E ancora mi sono vista Michelangelo Pistoletto da Fabio Fazio l’altra sera. Poi sono arrivati Fedez e dj Ax trattati dal conduttore come i migliori cantanti del panorama italiano. Vero è che quello di Fazio è puro odioso servilismo. Che poi prendiamo anche Pistoletto: quella mela ricucita in stazione centrale a Milano cosa vuole tradirci?
La storia è fatta da sempre di ascesa e declino delle arti, ma noi viviamo in un’epoca proprio brutta, dove c’è la desertificazione  delle arti. Ma questi due non si possono proprio sentire. Io ci ho provato, ma poi sono corsa in bagno.
Moriranno tutti i migliori e io rimarrò ad ascoltare vecchi cd, ma volete mettere un “Mi sono innamorato di te perché non avevo niente da fare” con vorrei ma non posso”.. no, non potete, lasciate perdere!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *