Burocrazia versus tumore vince burocrazia

Scartoffie

Quando burocrazia e malattia si incontrano/scontrano vincono gli imbecilli, inutile specificare che si tratta cioè dei primi. Alle carte bollate non interessa nulla se sei immunodepresso e non puoi stare in luoghi pubblici affollati, tantomeno se da due mesi sei ricoverato in ospedale, e poi perché  vuoi il pass per l’auto se non puoi  uscire? Pappapero. È questo il caso di un bambino affetto da leucemia mieloide, che a Bologna si è visto negare il pass dell’automobile perché prima i genitori devono portare il bambino davanti a un medico legale della mutua. Il medico dell’Inps ha già attestato l’invalidità al 100% del bambino, ma questo non basta: deve fare un’altra visita. Ed è inutile controbattere: non ci arrivano.
Quando mi è scaduta la carta di identità ho portato le fototessere con me acconciata con una fascetta che copriva il taglio delle operazioni e i capelli cresciuti sopra in modo irregolare. All’impiegata comunale non è interessato nulla: così non ero identificabile, la legge prescrive di non indossare copricapo alcuno. Glielo spiego, ma non ce la fa, è troppo difficile per la signora capire che voglio apparire in ordine nella fotografia. Alla fine esco, mi tolgo la fascetta e faccio gli autoscatti al supermercato di fronte al Comune. Torno e mi rinnova il documento in cui sembra che ho una cresta di gallo, ma sono identificabile. Che fare? Non ce la fanno. Non ci arrivano.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *