Cereali e dieta

provocato

Il 50-60% dell’energia totale quotidiana va attinto dai carboidrati. Percentuale che sale in chi pratica attività fisica costante. Lo raccomanda FAO (Food and Agriculture Organization) e OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Quindi non bisogna eliminarli del tutto dalla alimentazione quotidiana, come fanno diete famose iperproteiche, come la Dukan. Bisogna però sostituire i cereali raffinati con quelli integrali perché ricchi di fibre che saziano maggiormente e stimolano l’organismo. «In più, hanno meno impatto sulla glicemia – spiega Sacha Sorrentino, biologo nutrizionista dell’Istituto di Medicina Biologica di Milano, esperto in nutrigenetica, intolleranze alimentari e nutrizione sportiva – prevenendo il rischio di sviluppare malattie come il diabete».
I carboidrati sono indispensabili, come le proteine, che alimentano la struttura fisica, e i grassi, che vanno a costituire la riserva. In particolare, iniziare la giornata con un pieno di cereali raffinati fa aumentare repentinamente il livello degli zuccheri nel sangue e dell’insulina. Quando gli zuccheri nel sangue, qualche ora dopo calano, il corpo implora per avere un’altra dose di carboidrati raffinati e zuccheri. “Il consumo di carboidrati ad alto indice glicemico (GI) può essere un fattore che contribuisce all’aumento di peso. Anche se i dati da studi a lungo termine sono carenti, indagini a breve termine indicano che il consumo di carboidrati ad alta GI può aumentare la fame e promuovere la sovralimentazione rispetto al consumo di oggetti con un GI inferiore“, come segnala  uno studio apparso su Nutrition Reviews. “Come la ricerca a lungo termine sulla regolazione del peso e del GI si accumula, il consumo di grano integrali e dei cereali di GI più bassi anziché i cereali altamente raffinati è un cambiamento dietetico che può contribuire a impedire l’eccesso di cibo ed è costante con le linee guida dietetiche correnti”.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 3 aprile 2018

    […] meno fibre e vitamine ed elevate quantità di amido. I prodotti raffinati, dunque, contribuiranno ad alzare l’indice glicemico, mentre quelle integrali contengono meno calorie rispetto ai cibi con farine raffinate e tante […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *