Come non rinunciare al gelato

cioccogelato

L’estate è alle porte e con la stagione più bella dell’anno arriva anche il desiderio tarpato di gelato. Tarpato perché con i cestini di frutta, era il mio pranzo forte estivo che il professor  Franco Berrino mi ha indicato come cattiva abitudine. Canterebbe Brian a Peter Griffin: “Io ne vado matto” perché chi non impazzisce per il gelato? Io ne vado matta e allora ho chiesto al nutrizionista che mi segue come posso non rinunciarvi. Quando gli ho chiesto disperata come potevo farne a meno, mi ha risposto che è ammesso mangiarne anche uno al giorno. A patto che sostituisca un intero pasto e che sia a base d’acqua e non di crema o panna e al cioccolato fondente. Così ho fatto ieri sera, quando la mia amica Sonia mi ha beccato a leccare come una morta di fame la coppetta. E quindi? Quindi mi ha nascosta, mettendosi davanti. Vanno bene anche i sorbetti di frutta, ma con il cioccolato fondente ci assicuriamo di mantenere basso l’indice glicemico, in quanto rimane minimo l’apporto di zuccheri.  Ho trovato un cioccolato fondente al 100% e così non ho commesso alcuno sgarro e io ne vado matta.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. 15 giugno 2018

    […] pranzavo quasi esclusivamente con dosi massicce di frutta di stagione, oppure con un cono gelato: una bomba di zuccheri e l’indice glicemico saliva alle stelle, poi ho scoperto che No, la […]

  2. 2 luglio 2018

    […] nell’arco della giornata, evitando le grandi abbuffate. 5. Concedersi ogni tanto un gelato, a base di acqua e al gusto di cioccolato fondente. 6. Una raccomandazione valida non soltanto per […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *