Botti di capodanno pericolosi per animali e ambiente

fuochiartificio

“Lungi dall’essere il più sociale dei viventi, l’uomo è per natura il più antisociale di tutti.
L’umanità si scanna con le sue mani, perisce con la guerra, tanto contraria e ripugnante alla natura, quanto il suicidio.
Che una specie ne distrugga un’altra si può forse ritenere parte dell’ordo rerum, ma che una specie distrugga e consumi regolarmente se stessa è privilegio dell’uomo”.
(Giacomo Leopardi)

 

Virginia Raggi ci aveva provato per questioni di ordine pubblico: sospendere i botti di capodanno, ma alla fine  il Tar ne ha sospeso l’ordinanza. Che prevedeva “il ‘divieto assoluto’ di usare materiale esplodente, utilizzare fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici e di usare materiale esplodente anche ‘declassificato’ a meno di 200 metri dai centri abitati, dalle persone e dagli animali”. Dopo il no alle Olimpiadi, questa non gliel’hanno fatta passare liscia. Ma forse soltanto chi ha un animale domestico sa quanto l’ordinanza sarebbe stata opportuna. Per divertirci (?????) a sentire un caos tremendo, gli animali, che hanno un udito molto più sviluppato del nostro, passano minuti davvero tragici: cani e gatti scappano alla ricerca di protezione. Il mio Spank, che era scaltro, si chiudeva nella doccia o nella vasca da bagno. Ma quanti ne ho sentiti che avevano perso il cane scappato a causa del panico per i botti. Nei parchi, i giorni dopo il 31 è un bollettino di guerra: su ogni albero c’è un annuncio di smarrimento. Inoltre, molti uccelli muoiono di crepacuore o fuggono all’impazzata per andare a finire rovinosamente contro qualche traliccio.
Tra l’altro i botti provocano un aumento vertiginoso delle polveri sottili nell’aria, nella sola notte di Capodanno persino superiore a quello dell’attività di un anno di numerosi inceneritori.
Oltretutto esistono alternative meno invasive, come le fontanelle o fuochi d’artificio senza il botto e senza rumore. Non è la stessa cosa… Allora non cambiamo mai. La carne è buona, ma fa male. E allora? sono affari miei, sfigato di un vegano! Restiamo nella nostra ottusità, anche nel 2017, ma facciamolo col botto!

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *