L’importanza di ridurre gli alimenti raffinati

cassaverdure

Perché bisogna ridurre il consumo di alimenti raffinati? Risponde Daniela Lucini, responsabile della sezione di Medicina dell’Esercizio e Patologie funzionali di Humanitas: “In particolare, il consumo regolare di cibi raffinati, ovvero alimenti sottoposti a trattamenti di conservazione come salumi, cibi già pronti, affumicati e sottoposti a salatura, ma anche prodotti che prevedono l’uso di conservanti e additivi, cibi ricchi in zuccheri e amidi raffinati, ha dimostrato di aumentare il rischio di tumori al seno e al colon, patologie cardiovascolari come infarto del miocardio, ipertensione, angina e scompenso, e patologie come sindrome metabolica e diabete. Dall’altra parte però esistono anche evidenze scientifiche che dimostrano i notevoli benefici di una dieta sana e di uno stile di vita attivo, nella prevenzione primaria e secondaria anche delle patologie associate al consumo di cibi raffinati”. Per ridurre il rischio di contrarre queste malattie, bisognerebbe preferire a essi frutta e verdura (compatibilmente con eventuali patologie intestinali), carni bianche e pesce non trattati, legumi e cereali integrali, favorisce l’assunzione di alimenti ricchi di vitamine antiossidanti, sali minerali, proteine e carboidrati importanti per la salute dell’organismo. Inoltre, praticare attività fisica con regolarità, evitando la sedentarietà, ovvero cogliendo ogni occasione possibile per muoversi, favorisce il controllo del peso corporeo, evitando sovrappeso e obesità, contribuisce al mantenimento o sviluppo della massa muscolare e migliora il metabolismo, proprio come fosse un “farmaco” per il benessere e la salute generale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *