Attività fisica come terapia contro il tumore

IMG_1666

Lo studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology e condotto dall’Università della California del Sud conferma che l’attività fisica può allungare la vita delle donne che hanno avuto un tumore al seno, inoltre fare sport riduce il maggior rischio di malattie cardiovascolari, diabete e di recidiva del tumore. Le donne prese in esame hanno praticato attività sportiva per 16 settimane: dall’allenamento è risultato che le condizioni di salute legate alla sindrome metabolica sviluppata sono migliorate e le donne hanno perso peso e hanno acquisito massa magra. Le prove attuali suggeriscono che i trattamenti per il cancro al seno come la chemioterapia comportano un eccessivo aumento di peso, affaticamento, inattività fisica e alterazioni negative nei componenti della sindrome metabolica (MetS). Il MetS è associato ad un aumentato rischio di recidiva del cancro, malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 ed è definito da adiposità viscerale, insulino-resistenza, iperglicemia, iperinsulinemia, colesterolo lipoproteico ad alta densità siero basso e ipertensione. Il MetS è molto diffuso e presente nel 25% degli adulti americani ed europei e superiore nelle minoranze. Dato che la chemioterapia per il cancro al seno induce molti dei componenti del MetS, uno sforzo per compensare queste conseguenze della terapia del cancro utilizzando l’esercizio fisico / l’intervento sullo stile di vita potrebbe migliorare il cancro al seno, i risultati cardiovascolari ed endocrini.  “Il cancro al seno ha un tasso di sopravvivenza relativamente alto, e molte persone non si rendono conto che la principale causa di morte per i sopravvissuti è in realtà una malattia cardiaca”, commenta Christina Dieli-Conwright, autrice principale dello studio, che sottolinea come la maggior parte delle donne che attraversano quattro mesi di chemioterapia sviluppano poi la sindrome metabolica, cioè una condizione di salute con ipertensione, grasso corporeo eccessivo e colesterolo alto.
Lo studio intende determinare se un intervento di 16 settimane di esercizio fisico induce cambiamenti nei componenti prognostici di MetS (circonferenza della vita, pressione sanguigna, livelli sierici di glucosio, insulina, lipidi, proteina C-reattiva e HbA1c), tra i sopravvissuti al cancro al seno entro 3 mesi dal completamento della chemioterapia o radioterapia. Le partecipanti, donne affette da cancro al seno di stadio I-III e reclutate dal centro per il Cancro globale di Norris e dall’ospedale della contea di Los Angeles, sono randomizzate al controllo (al solito) o al gruppo di esercizi. Il gruppo di esercizi partecipa a sessioni di allenamento aerobico e di resistenza 3 volte alla settimana per 16 settimane sotto la supervisione di un esperto di esercizi presso il Centro di ricerca sull’esercizio clinico USC. Dopo il periodo di studio, tutti i partecipanti sono testati per i componenti MetS, la forza muscolare, la composizione corporea, la densità ossea, l’idoneità cardiorespiratoria, la qualità della vita, l’affaticamento e la funzione della spalla. Lo studio non si ferma: verranno esaminati  altri 85 pazienti, nei prossimi 3 anni. Si prevede che questo intervento migliorerà le componenti del MetS e l’idoneità fisica nei sopravvissuti al cancro al seno rispetto al gruppo di controllo, definendo quindi le variabili dell’intervento e dei biomarcatori per prove più definitive.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *