Goji fan tutte

goji

È un classico: ogni tanto scoppia la moda e nemmeno si sa a che diavolo serve quello che si sta mangiando, ma tutti lo vogliono. Anche perché, per evitare di farsi  mancare qualcosa, serve a tutto e anche al suo contrario. Le star del momento sono le bacche di goji e la spirulina. Antiossidanti i primi, vengono venduti a peso d’oro come elisir di lunga vita, ne vengono vantate le virtù quasi magiche. A Fa’ la cosa giusta, quello che sembra peperoncino secco tibetano arrossiva ogni bancone, la spirulina era ovunque: nella pasta, nei salumi, nel pane. Nel tranello c’è caduta anche la Strana coppia – lo confesso – che si è comprata un pacco a testa dell’inutile bacca, ma s’è risparmiata la spirulina. Perché inutile? Se non ci manca qualcosa, perché dovremmo integrarla? Per vivere per sempre? Anche no, grazie. Q.b. ci basta! Ma capiamo cos’è il Goji e a cosa può effettivamente servire. Si tratta di una bacca selvatica, ad alto contenuto di ferro.

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. 27 novembre 2014

    […] Con i cereali integrali, le verdure dovrebbero comporre gran parte del piatto macrobiotico: all’incirca un terzo del cibo quotidiano. È importante scegliere verdura di stagione e locale , e bisogna avere cura di variare spesso il tipo di verdura, scegliendo sia radici (come carote, ravanelli, rape, daikon, radici di tarassaco e porro, zenzero), verdure che crescono a livello del suolo (cavoli, cipolle, zucche) e a foglie verdi, che crescono sopra al livello del suolo (broccoli, cime di rapa, crescione, insalate). Vietate a chi è stato diagnosticato un tumore sono le verdure molto acide o di origine tropicale, che possono invece essere assunte da chi è in forma, ma non regolarmente. Le verdure hanno basso carico glicemico e per questo motivo devono riempire il piatto; mentre sono bandite le patate. Questo divieto, insieme con la ammissione del pesce, allontana la cucina vegan da quella macrobiotica. Generalmente le verdure hanno anche basso contenuto calorico e forniscono minerali, vitamine  e composti fondamentali per il nostro organismo, come saponine, polifenoli, fitoestrogeni, glucosinolati, polifenoli, ecc. Affinché le sostanze nutritive di una verdura siano efficaci devono “lavorare” tutte insieme; per questo motivo è inutile assumerle tramite integratori alimentari. […]

  2. 17 gennaio 2018

    […] stata la moda della spirulina, poi delle bacche di Goji, dei semi di chia, e altro che zucchero, meglio la stevia! Nel 2017, la nuova star degli […]

  3. 11 marzo 2018

    […] in tutte le forme: tisane, tinture, idroliti, integratori di ogni tipo. Ma badate bene, un alimento mantiene le sue proprietà soltanto nell’alimento stesso, poiché funzionano in in sinergia con le altre caratteristiche dello stesso alimento. Ma online si […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *