Verdure: colte cotte e quali accattativille’

crucifere

Con i cereali integrali, le verdure dovrebbero comporre gran parte del piatto macrobiotico: all’incirca un terzo del cibo quotidiano. È importante scegliere verdura di stagione e locale , e bisogna avere cura di variare spesso il tipo di verdura, scegliendo sia radici (come carote, ravanelli, rape, daikon, radici di tarassaco e porro, zenzero), verdure che crescono a livello del suolo (cavoli, cipolle, zucche) e a foglie verdi, che crescono sopra al livello del suolo (broccoli, cime di rapa, crescione, insalate). Vietate a chi è stato diagnosticato un tumore sono le verdure molto acide o di origine tropicale, che possono invece essere assunte da chi è in forma, ma non regolarmente. Le verdure hanno basso carico glicemico e per questo motivo devono riempire il piatto; mentre sono bandite le patate. Questo divieto, insieme con la ammissione del pesce, allontana la cucina vegan da quella macrobiotica. Generalmente le verdure hanno anche basso contenuto calorico e forniscono minerali, vitamine  e composti fondamentali per il nostro organismo, come saponine, polifenoli, fitoestrogeni, glucosinolati, polifenoli, ecc. Affinché le sostanze nutritive di una verdura siano efficaci devono “lavorare” tutte insieme; per questo motivo è inutile assumerle tramite integratori alimentari.

Come cuocere le verdure

Possono essere scottate, bollite, pressate (e quindi lattofermentate – vi daremo ricetta prossimamente), cotte a vapore o a pressione. Durante la stagione fredda è possibile anche stufarle o prepararle in tempura, friggendole in olio di sesamo (realizzate la tempura con farina tipo 1 o 2 e arrow root e poi friggete in olio di sesamo). Per tutti gli alimenti, bisogna ricordare che il miglior metodo di cottura è quello più semplice, che non compromette le caratteristiche organolettiche della materia prima. L’importante è che, in ogni caso, i tempi di cottura siano ridotti al minimo, non superando i 3 minuti. Dopo cotture prolungate, infatti, le verdure possono perdere i propri nutrienti. A dimostrare tale perdita è la corrispondente perdita del colore originario. Soltanto in alcuni casi la cottura migliora la disponibilità delle sostanze presenti, come avviene per il beta-carotene, che ben sopporta brevi cotture le quali, anzi, rendono più facile per il nostro apparato digerente l’assorbimento di questa preziosa sostanza. Stesso discorso vale per il licopene contenuto nei pomodori.

Quali verdure preferire

Sicuramente un valido aiuto per la prevenzione del cancro è offerto dalle verdure appartenenti alla famiglia delle Cruciferae. Presenti in tutte le stagioni, fanno parte delle Cruciferae cavolo, verza, rapa, broccolo, cavolfiore, ravanello e rucola. Perché è utile mangiarne in abbondanza? Grazie alle molecole di sulforafano (che conferisce il caratteristico odore del cavolo) e l’indolo-3-carbinolo (I3C) che detossificano l’organismo da sostanze cancerogene e impediscono l’evoluzione di cellule precancerose. Non solo: favoriscono l’apoptosi e inibiscono l’angiogenesi (cioè la formazione di vasi sanguigni che fungono da “rifornimento” per le cellule tumorali). Per non perdere le proprietà di sulforafano e I3C le Cruciferae devono essere preferibilmente cotte al vapore e per pochi minuti.

Quali verdure evitare

Chi è malato oncologico dovrebbe evitare l’assunzione di patate, peperoni, pomodori e melanzane in quanto ricche di poliammine (la putrescina, la cadaverina, la spermitina e l’ agmatina). Indispensabili per la moltiplicazione di alcune cellule, quelle cancerose sono ghiotte  di poliammine, quindi è preferibile che chi ha una patologia oncologica non ne assuma e chi volesse prevenire quantomeno ne riducesse il consumo.

Potrebbero interessarti anche...

10 Risposte

  1. rita schembri scrive:

    Esauriente. Ottimo atticolo.

  1. 21 ottobre 2014

    […] chiamano insalatini, ma non sono fatti solo con l’insalata. Tutte le verdure possono essere, infatti, pressate in appositi apparecchi, o semplicemente servendosi di una comune […]

  2. 24 ottobre 2014

    […] solare, si allunga la lista degli eventi del fine settimana da non perdere a Milano. Visto che il piatto è ricco mi ci […]

  3. 27 ottobre 2014

    […] del primo. Niente pomodoro e altri alimenti che la dieta macrobiotica non prevede, ma soltanto cruciferae, cereali integrali e pesce… E visto che il menù che vi proponiamo è all’insegna del […]

  4. 25 novembre 2014

    […] pizzoccheri valtellinesi. Perché poi negarsi una delle migliori preparazioni invernali per verdure a foglia verde? Potete scegliere se impiegare spinaci, bietole, coste, tanto fanno bene tutte. Qualsiasi verdura […]

  5. 5 dicembre 2014

    […] Per secondo pesce (mazzancolle al vapore) o carne bianca (pollo alla portoghese). Con contorni verdure e legumi. Un menù soltanto all’apparenza povero, quello delle popolazioni più povere del pianeta […]

  6. 17 dicembre 2014

    […] abbondantemente cereali integrali, legumi, verdure e […]

  7. 21 dicembre 2014

    […] in autunno: prolungare le cotture, mangiare cereali integrali che potrete accompagnare con cruciferae. Da saltare vivacemente in una padella spennellata con olio extra vergine d’oliva oppure […]

  8. 29 dicembre 2014

    […] Per esempio, scottare per pochi minuti in acqua bollente salata i broccoli, frullarli con mandorle pelate per realizzare in tempi rapidissimi una crema squisita e sanissima, grazie alle proprietà delle crucifere. […]

  9. 24 maggio 2017

    […] negativo sull’odore del sudore. È meglio evitare anche altri cibi dal sapore intenso, come le crucifere (che tuttavia, come cavoli e broccoli,  non sono propri della stagione calda, e di conseguenza […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *