Perché è meglio non mangiare carne al barbecue?

barbecue

Già in strada se ne sente l’odore: quello della carne cotta al barbecue. Premesso che alle proteine animali è meglio preferire quelle vegetali, ossia i legumi, di cui abbiamo già parlato la scorsa settimana, ma – quando siete sicuri della provenienza e del tipo di allevamento degli animali che state mangiando e non avete problemi che non vi permettano di assumerli, uno strappo alla regola si può fare, uscendo fuori dalla questione etica. Io la carne rossa, a mia memoria, non l’ho mai mangiata e, soltanto l’idea mi disgusta, il pesce invece, da buona figlia di Sicilia, l’ho sempre mangiato in quantità! Per la dieta che devo seguire, necessariamente mi tocca eliminare molluschi bivalvi, che d’altronde non mi hanno fatto mai impazzire. Sto affiancandomi alla dieta dei gruppi sanguigni di Mozzi? Assolutamente no. Secondo il doctor star, se uno è di gruppo zero, naturalmente è portato a mangiare carne, in qualità di cacciatore. Ma quanti animali potevano catturare gli uomini primitivi? Armate di arco e frecce il Mozzi, abbandonatelo nella macchia e vediamo quanta carne riesce a recuperare. È che basta un minimo di buon senso e Logos per capire quanto siano folli alcune teorie. Il nostro organismo, come quello delle scimmie, è programmato per il consumo di frutta, verdura e legumi.
Alcuni dei motivi per cui è consigliabile non mangiare carne sono:

  • La carne animale acidifica il sangue, che invece dobbiamo alcalinizzare.
  • Il WCRF al punto 5 raccomanda di ridurre il consumo di carni rosse ed evitare il consumo di carni conservate. Se proprio non riuscite a rinunciarci, abbinatela a quintalate di verdure. Non è chiaro il motivo per cui la carne aumenta il rischio di tumore (soprattutto all’intestino).
  • Sono ricche di ferro eme, agente antiossidante che favorisce la formazione di sostanze cancerogene nel tubo digerente.
  • I grassi saturi, detti “animali” sono batteri del rumine che trasformano i grassi vegetali dell’erba in animali. I grassi incrementano il rischio di cancro perché fanno aumentare di peso e una grande quantità di grassi animali ostacola il buon funzionamento dell’insulina.
  • Nella cottura ad alta temperatura o in quella prolungata si formano idrocarburi aromatici e ammine eterocicliche, dimostrate altamente cancerogene. Evitate grigliate, arrosti, ma anche bolliture prolungate che ne sviluppano in quantità. Anche nella cottura di pesci alla griglia o polli allo spiedo se ne formano, ma basta togliere la pelle per ridurre la contaminazione. Inoltre, si sprigionano sostanze biotiche naturalmente costituenti alcuni alimenti, come funghi, alcol metilico, alcol etilico, tossine algali, sali minerali, ecc. Oppure sostanze che si formano durante la conservazione, trasformazione o cottura del cibo, come le micotossine che si formano con la cottura alla brace.

Il discorso cambia con il pesce, che contiene amminoacidi similmente alla carne, ma grassi insaturi, soprattutto Omega 3. Ne parliamo, però, lunedì prossimo.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. 12 agosto 2014

    […] Evitate il consumo di tutte le carni conservate (salumi inclusi) e limitate il consumo delle carni rosse a 300 gr alla settimana, soltanto se ne conoscete la provenienza e i metodi di allevamento. […]

  2. 28 agosto 2014

    […] durante i trattamenti radio e chemioterapici, l’assunzione di carne (a eccezione del pesce) e dei suoi derivati è assolutamente sconsigliata, perché i grassi animali […]

  3. 15 gennaio 2017

    […] sul Journal of The National Cancer Institute è stato peraltro evidenziato che la carne rossa, se cotta alla brace, potrebbe essere responsabile di un 25% in più di tasso di mortalità. L’elevata temperatura è, […]

  4. 10 ottobre 2017

    […] Carne alla griglia, la quale libera idrocarburi aromatici policiclici (PAH), che si formano con la combustione del carbone o del legno. Quando i grassi di carne gocciolano, queste sostanze si attaccano al cibo che viene cotto, aumentando il rischio di cancro. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *