Fattori cancerogeni: alimentazione, comportamenti scorretti, sostanze chimiche

Un team di esperti ha analizzato gli elementi che aumentano il rischio di sviluppo del cancro.
Tra gli alimenti, lo zucchero è il primo da non consumare, dimostrandosi una sorta di carburante per lo sviluppo delle cellule tumorali. Secondi nella lista nera sono i cibi raffinati, per la loro alta concentrazione di coloranti e conservanti. Ad aggiungersi alla lista nera degli alimenti cancerogeni ci sono i cibi alla griglia o bruciati in generale, per lo sviluppo, ad elevate temperature, di elementi dannosi; stesso discorso per le carni processate come i wurstel, le salsicce e gli hot dog. Indicato come cancerogeno anche il noto diserbante glifosato, i bisfenoli contenuti nella plastica e l’acrilamide, un prodotto usato nel settore alimentare per aumentare la ”doratura” degli alimenti.
Poi ci sono i comportamenti sbagliati ad aumentare il rischio di tumore. Primo su tutti fumare, in quanto le sigarette contengono in media circa settanta sostanze chimiche dannose. Anche il consumo di alcol favorisce lo sviluppo di alcuni tumori. Altro fattore di rischio, soprattutto per il tumore alla pelle, meglio noto come melanoma, è il sole preso in modo sbagliato, ossia senza protezione e/o nelle ore più calde della giornata. Infine, bisogna considerare l’esposizione a sostanze chimiche dannose. Sul posto di lavoro, un’elevata incidenza di tumori è stata rilevata, per esempio, tra gli operai nel settore dell’alluminio, i pittori e gli imbianchini (per le sostanze contenute nella vernice) e i falegnami, per le polveri inalate. Anche i lavoratori notturni, per gli orari che alla lunga sconvolgono i ritmi circadiani, sono a maggiore rischio. Il pericolo può provenire anche dall’acqua del rubinetto. È il caso dell’arsenico, una sostanza naturale, e che in diversi paesi è stata rilevata in dosi massicce nell’acqua potabile. E poi c’è il radon, seconda causa di tumore al polmone.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *