A ciascuno il suo… ortaggio di stagione

zucchina-o-radicchio-problema

Ravanella

ravanella-scura

Lei: “Cosa mangiamo per cena?”
Lui: “Ho voglia di zucchine grigliate, sai che le adoro”
Lei: “Sì, ma perché costano così tanto?!”

Quante volte vi sarete trovati in questa situazione con o senza partner? Io, per esempio, da quando vivo a Milano ho perso dimestichezza con le stagioni, non perché qui piove sempre e quindi mi sembra di vivere perennemente in autunno, ma in quanto trovo difficile ricordare il periodo giusto in cui reperire frutta e ortaggi. Nei reparti ortofrutticoli dei supermercati siamo, infatti, ormai abituati a trovare tutti i tipi di verdure indipendentemente dal loro naturale periodo di maturazione.

Beh devo dire che i cartelli dei prezzi mi aiutano ad aprire i cassetti della memoria e a spolverarne l’informazione dentro contenuta. Sì, perché i prezzi dei prodotti fuori stagione sono chiaramente più elevati. Aumenti alimentati dai maggiori costi di trasporto (se, per esempio, si acquistano prodotti provenienti da altri paesi in cui il prodotto è di stagione); dai costi di energia elettrica sostenuti per fare maturare gli ortaggi in maniera artificiale dentro serre riscaldate; dai costi dei fertilizzanti utilizzati per stimolarne la crescita artificiale e dall’utilizzo di pesticidi necessari per allontanare i parassiti che si insediano nelle piante indebolite per essere coltivate in una stagione a loro “sconosciuta”; e così via.

Ma volendo andare al di là dell’aspetto economico, è importante prendere in considerazione anche l’aspetto nutrizionale: le verdure mangiate nel giusto periodo hanno maggiori proprietà organolettiche e di conseguenza anche maggior sapore: dipende dal fatto che esse hanno completato il loro ciclo di vita direttamente sulla pianta e non all’interno di celle frigorifere con atmosfere appositamente controllate per facilitarne la maturazione. Il rispetto dei processi naturali consente al prodotto finale di avere una maggiore quantità e qualità di sostanze nutritive. Per non parlare poi dell’impatto ambientale derivante dal coltivare “dentro” il “fuori stagione”.

Vediamo, dunque, come va a finire tra la nostra strana coppia.

Lei: “Che ne dici se ci grigliamo un radicchio? So quanto adori le zucchine, ma porta ancora un po’ di pazienza. È  questione di poche settimane se non addirittura di giorni, così avremo sulla nostra tavola zucchine gustose”.
Lui: “Ci sto… E al radicchio aggiungerei un cespo di bietole visto che costano poco, chissà come mai!?”
Lei:Leggi qui, che te lo spiego….”

Conclusione? Se mangiate verdura e frutta di stagione intossicate meno il vostro organismo e contribuite a inquinare meno.

Su Alimentarmente raccoglieremo ricette di piatti preparati con ortaggi stagionali… Cercate di scegliere quella giusta a seconda della stagione in cui la preparerete.

Potrebbero interessarti anche...

11 Risposte

  1. 31 marzo 2014

    […] sono deliziosi, ma non crescono tutto l’anno e, in questo caso, meglio rinunciarci! Perché poi comprare a prezzi esorbitanti prodotti artificiali che solo lontanamente richiamano il sapore di quelli naturali? Consumare frutta e verdura di […]

  2. 15 aprile 2014

    […] dei broccoli si estraggono le sostanze attive volte alla preparazione di prodotti fitoterapici. La stagione dei cavoli-broccoli va dall’autunno alla primavera, pertanto affrettatevi a preparare gustose ricette con questo […]

  3. 4 agosto 2014

    […] dopo portata, vi abbiamo portato alla frutta che, insieme alla verdura, contiene sostanze dimostrate anticancerogene. Ma bisogna stare attenti: fa bene mangiare frutta di […]

  4. 22 settembre 2014

    […] alle 2.30, con l’equinozio, arriva l’autunno. Abbiamo già sottolineato quanto sia importante seguire i tempi della natura nell’alimentazione. Che con la nuova stagione si tinge di rossi e ocra. Si incavola, impiattando cavoli, cavolfiori, […]

  5. 14 ottobre 2014

    […] la pentola dal fornello, aspettare che la pressione scenda prima di aprire. Condire a piacere con verdure di stagione appena […]

  6. 21 ottobre 2014

    […] parte del piatto macrobiotico: all’incirca un terzo del cibo quotidiano. È importante scegliere verdura di stagione e locale , e bisogna avere cura di variare spesso il tipo di verdura, scegliendo sia radici (come carote, […]

  7. 20 novembre 2014

    […] o un frullato preparato con latte di soia e frutta di stagione. Ricordate di preferire per la frutta fresca quella locale e di stagione. Tenersi alla larga non soltanto da tutte le bevande zuccherate, ma anche dagli alcolici, come […]

  8. 7 agosto 2015

    […] il malto di riso, per chi preferisce un sapore più dolce per circa tre minuti. Tagliare la frutta fresca locale e di stagione, denocciolarla se necessario e versare nell’acqua bollita, mescolando per 5 minuti. A fuoco […]

  9. 7 dicembre 2016

    […] l’intestino che, quindi deve funzionare nel migliore dei modi. Spazio larghissimo, pertanto alle verdure e a cibi freschi, naturali, lavorati il meno possibile dall’uomo, che abbiano viaggiato poco e […]

  10. 2 giugno 2017

    […] in un terreno vivo ci portano anche microbi utili alla salute. Importante poi è che siano di stagione perché, se per milioni di anni abbiamo mangiato solo frutta di stagione, è verosimile che il […]

  11. 25 settembre 2017

    […] soltanto frutta e verdura andrebbero consumati a seconda della loro stagionalità che ne garantisce freshezza e località – […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *